Temi

Private equity ETF in portafoglio? Non per la diversificazione

In una recente intervista David Solomon, CEO di Goldman Sachs, ha suggerito di aggiungere tra gli asset in portafoglio anche il private equity ed il private debt, una mossa tesa ad aumentare la diversificazione degli investimenti. Ma è una strategia replicabile anche dal piccolo risparmiatore. In altre parole, può essere utile aggiungere un investimento in ETF indicizzati al mondo del…Continua →

Tassi di interesse ed ETF obbligazionario

Come si comporta un ETF obbligazionario di fronte d un rialzo dei tassi di interesse? E come poter sfruttare le strette monetarie nel nostro portafoglio? Proviamo a dare qualche risposta.

Rendimento e perdita massima. Alla scoperta dello Sterling Ratio

Rischio e rendimento sono due elementi che non andrebbero mai separati. Il primo aiuta a capire il secondo e viceversa. Proprio per questo motivo si dovrebbe sempre privilegiare l’utilizzo di indicatori che li contemplino entrambe nel valutare un investimento o uno strumento finanziario. Oggi vi parliamo dello Sterling Ratio.

Valutare i costi di gestione anche in base alle performance

Quanto incidono i costi di gestione su un piano di investimento? E se un risparmiatore decide di fare da solo, avendone le capacità, può migliorare il proprio rendimento? Sono domande alle quali ha provato a dare una risposta uno studio condotto negli USA dal professor Derek Horstmeyer della George Mason University.

La liquidità implicita di un ETF

Quando vogliamo valutare la liquidità di uno strumento finanziario la prima idea che ci viene in mente è quella di andare a verificarne la quantità scambiata sul mercato. Se uno strumento ha un alto volume di negoziazione significa che posso venderlo od acquistarlo con relativa facilità. Non farò sostanzialmente fatica a trovare una controparte. Vale anche per l’ETF? La risposta…Continua →

Asset allocation. Approccio Top-Down e Bottom-Up

Quando si parla di asset allocation ci si riferisce a tutto ciò che riguarda il modo nel quale vengono distribuiti i fondi disponibili tra le varie tipologie di attività finanziaria. Per mettere in pratica una asset allocation si possono seguire due approcci principali (da cui ne discendono molti altri): top-down e bottom-up

Investimento in ETFs. L’approccio multifattoriale

L’avvento degli smart beta ha incentivato gli investitori nel selezionare strumenti creati con criteri fattoriali. L’investimento in ETFs con l’approccio multifattoriale è lo step successivo e, dati statistici alla mano, sembra offrire buone opportunità.

Il concetto di beta e gli ETF Smart Beta

L’evoluzione del settore degli ETFs ha portato nel corso degli ultimi anni alla creazione di nuove “famiglie” di Exchange traded funds. Una di queste ha ottenuto un ampio successo tra gli investitori, si tratta degli ormai famosi Smart Beta. Di cosa si tratta?